Hai un mal di schiena nella parte inferiore della colonna e non passa? Potresti soffrire di sacroileite! Scopriamola insieme.

Sacroileite: Cosa è?

articolazione sacroiliacaQuando si parla di sacroileite si parla di un’infiammazione dell’articolazione sacro-iliaca. Questa Articolazione è composta dalla parte laterale del sacro e dalla superficie articolare dell’ileo (osso che compone insieme al pube e all’ischio il complesso pelvico).

Quest’articolazione è estremamente importante in quanto ha la funzione di distribuire le forze provenienti dal busto e dalle braccia verso il bacino e le gambe. Rappresenta quindi in biomeccanica un complesso fondamentale per la distribuzione anche del carico in dinamica (come la deambulazione).

Nella sacroileite succede che si genera un alterazione tra le superfici articolari che si infiammano e che generano un dolore molto forte alla schiena, mimando anche una lombalgia.

La presenza di una sacroileite spesso deve far pensare anche alla presenza di una malattia reumatica chiamata spondilite anchilosante, condizione autoimmune nella quale c’è una ossificazione dei legamenti della colonna, la quale perde progressivamente le sue curve mostrandosi radiograficamente con il reperto “a canna di bambù”. Nella spondilite anchilosante la presenza di un’infiammazione dell’articolazione sacroiliaca rappresenta non solo una conferma della diagnosi, ma anche un reperto clinico di rilevante importanza.

Sintomi e diagnosi della sacroileite

Come abbiamo precedentemente accennato, il dolore nella sacroileite rappresenta il sintomo principale, il quale si presenta non solo durante la stazione eretta e durante la deambulazione, ma anche durante la notte, peggiorando notevolmente rendendo difficoltoso il riposo notturno.

La localizzazione del dolore è principalmente nella zona dell’articolazione colpita, con una sensazione da parte del paziente di forte dolore nella parte inferiore della schiena e al passaggio tra “schiena e gluteo”; non poco frequente è anche una discesa del dolore inferiormente verso l’arto inferiore, da non confondere però con una sintomatologia che coinvolge il Nervo sciatico.

In letteratura viene descritta generalmente una duplice condizione riguardante la mobilità di quest’articolazione:

  • Ipermobilità: caratterizzata da un movimento eccessivo che genera un dolore a fascia a livello della schiena e generale.
  • Ipomobilità: in questo caso il movimento risulta essere bloccato, determinando una sintomatologia unilaterale e che può scendere fino al ginocchio.

aree dolore sacroileite

Come mostrato dall’immagine, il dolore si localizza nella zona dell’articolazione e nella parte più interna dove si trova la testa del femore, scendendo anche al di sotto della piega del gluteo. Spesso infatti viene confuso come dolore quello della sciatalgia che scende verso la parte posteriore della coscia.

La diagnosi di sacroileite può essere sia clinica attraverso una serie di test che il fisioterapista applicherà affinchè questi riproducano il dolore oppure no, oppure attraverso un’iniezione da parte del medico (ortopedico o neurochirurgo) di anestetico o cortisone all’interno dell’articolazione, in modo tale da monitorare se il dolore scompare oppure no.
Spesso risulta essere molto importante anche visualizzare attraverso una Risonanza magnetica la condizione dell’articolazione e dei tessuti limitrofi: spesso infatti nella mia pratica clinica ho assistito a frequenti calcificazioni di alcuni legamenti che collegano l’ileo, l’ischio e il sacro: questa calcificazione generalmente può portare ad una continua sofferenza della sacroiliaca con ricorrenti dolori.

 

Sacroileite: Trattamento

Qual’è il miglior trattamento per questo disturbo? Innanzitutto è bene osservare se questo dolore sia veramente attribuibile all’articolazione sacroiliaca oppure no: succede a volte che alcuni muscoli abbiano dei trigger point (fasci di fibre muscolari che entrano in sofferenza biochimica generando dolore locale o irradiato) attivi che si localizzano nella zona proprio della sacroiliaca. É il caso infatti del muscolo quadrato dei lombi che a volte può determinare questo fastidio, anche il muscolo soleo, facente parte del complesso del polpaccio, a volte può generare un dolore simile alla sacroileite.

Nel caso in cui si assiste ad un problema di tipo muscolare spesso si ricorre al trattamento tramite dry needling, una terapia estremamente potente e risolutiva nel caso di queste problematiche; quì sotto una foto mentre si utilizza l’ago proprio sul muscolo del quadrato dei lombi.

dry needling quadrato dei lombi

Dry Needling quadrato dei lombi

Nel caso siano presenti anche delle disfunzioni a livello meccanico della sacroiliaca, molto utili sono anche le manipolazioni ad altra velocità e bassa ampiezza. Questo tipo di trattamento risulta essere per il paziente a volte traumatico, ma di estrema efficacia. Attraverso una messa in tensione dell’articolazione, si esegue un movimento rapido per riposizionare nella fisiologica posizione il segmento corporeo, favorendo quindi un immediata sensazione di benessere da parte del paziente.

Queste tecniche, sebbene possano sembrare rudi, sono comunque sicure se eseguite da personale formato scientificamente e con esperienza; il rischio è pressochè nullo, soprattutto a questo livello.

Per questo ti suggerisco la promozione sulle sedute fisioterapiche!

Approfitta SUBITO dell'offerta! Una seduta GRATIS!

terapia manuale sidebar

Il trattamento per questo problema è anche attraverso l’applicazione di un cerotto taping messo proprio per scaricare la parte, favorendo una guarigione e un’immediata sensazione di benessere da parte del paziente.

metodo mezieresAltra disciplina per curare una sacroileite è cercare di recuperare la fisiologia dei vari segmenti corporei che hanno determinato un’alterazione; in questo caso la ginnastica posturale Mezieres  rappresenta una componente fondamentale nel recupero completo delle autonomie e al ritorno completo nelle attività di vita quotidiane.

Attraverso la messa in tensione in maniera graduale e progressiva, avviene un progressivo e uniforme allungamento delle strutture muscolo-fasciali, permettendo di riequilibrare efficacemente tutto il sistema scheletrico, riposizionando anche le varie articolazioni nelle corrette posizioni, cosicchè possano svolgere la loro funzione senza problemi e senza rischio di infiammazioni o usura.

Sfrutta subito dell’offerta sul pacchetto di sedute di ginnastica posturale Mezieres!

Approfitta del SUPERSCONTO a te riservato!

promozione fisioterapia

Cosa aspetti a prendere un appuntamento?
Chiama ORA!

3290119961

oppure compilando il modulo quì sotto:

 

Lascia una recensione
3.1]