Il dolore al polso  rappresenta un disturbo sempre più frequente nella popolazione, la cui incidenza sta colpendo sempre più i giovani, che praticano un’attività sportiva ma anche lavorativa.

Dolore al polso: le possibili cause

Ma quali possono essere le cause di un dolore al polso?
Innanzitutto bisogna esaminare l’insorgenza di questo disturbo, considerare la durata del dolore e l’intensità, permettendo quindi allo specialista di avere un’inquadratura generale sulla situazione che affligge il paziente.

contusione al polsoUna delle possibili cause del dolore al polso è sicuramente una contusione a livello della mano, magari a seguito di una caduta accidentale. Durante una caduta, il corpo istintivamente tende a salvaguardare gli organi principali e tende ad utilizzare le mani e le braccia per arrestare il corpo che rovina a terra; quando questo accade avviene, il peso del corpo stesso genera una forte accelerazione che, con questo meccanismo innato di difesa, tende a colpire per difesa le mani e il polso successivamente, con rischio di un eventuale frattura.
Una frattura delle ossa che compongono il polso è un’evenienza molto probabile durante questefrattura dello scafoide cadute: il polso si presenta infatti estremamente dolorante, con un’edema molto evidente e con l’impossibilità pressochè totale al movimento del polso, a causa del grande dolore che il paziente avverte.

Una condizione molto frequente inoltre di dolore al polso è la distorsione, caratterizzata da un movimento anormale dell’articolazione, il quale determina uno stress improvviso alle strutture molli del polso (legamenti e capsula) con il rischio di lacerazione di uno dei 4 legamenti che permettono la stabilità dell’articolazione. Nel caso di una distorsione il paziente lamenterà un grande dolore con tumefazione locale, grande difficoltà nel movimento e aumento della temperatura cutanea nella zona colpita, presente inoltre una instabilità nel movimento. Anche questa problematica può essere secondaria ad un tentativo di attutire una caduta, ma anche durante l’esecuzione di un gesto sportivo, affaticamento dell’articolazione o una mancanza di riscaldamento prima di uno stress agonistico.

Una problematica miofasciale come un trigger point genera una sintomatologia dolorosa nell’arto superiore, che, in base alla localizzazione del attivazione dello stesso, può far insorgere un dolore al polso. Il trigger point è una zona particolarmente dolorosa di alcune fibre muscolari, le quali tendono a soffrire per alterazioni biochimiche, con la comparsa di un dolore anche a distanza da polso, ma generando un irradiazione che può arrivare anche fino alla mano.

Dolore al polso: la cura

Prima di un qualsiasi trattamento per sconfiggere il dolore al polso, è importante effettuare un indagine radiografica (un RX o una Risonanza Magnetica) che permetterà allo specialista di indagare sulla causa del problema e individuare la strategia migliore per la risoluzione del disturbo. La fisioterapia, una volta individuata la causa del problema, permette al paziente di recuperare il movimento e l’autonomia con la mano.

Molti sono i trattamenti adatti ad un dolore al polso, come la tecarterapia, la terapia manuale e il kinesio taping.

  • Tecarterapia: è un elettromedicale con un’azione antinfiammatoria e antalgica,la cui attività determina inoltre un drenaggio delle componenti biochimiche responsabili della sintomatologia dolorosa permettendo quindi un ritorno veloce alle normali attività di vita quotidiana.
  • ghiaccio polsoCrioterapia: l’utilizzo del ghiaccio aiuta nel ridurre l’edema che si è generato con l’infiammazione del polso, permettendo inoltre di avere un’azione antidolorifica e coadiuvante nel combattere l’azione flogistica che si è creata.

 

  • Terapia manuale: è una componente della fisiokinesiterapia in grado di affrontare con successo tutte le problematiche neuro-muscolo-scheletriche.
  • Kinesio-taping: si tratta di un cerotto con proprietà elastiche, la cui applicazione può avere effetti antalgici, drenanti o stabilizzanti per l’articolazione, inducendo inoltre un interruzione di segnale dolorifico al cervello, permettendo quindi un rilascio muscolare.

Per questo motivo è presente l’offerta “5 sedute al prezzo di 4”, non fartela sfuggire!

terapia manuale sidebar

Anche il riposo dall’attività lavorativa o dal gesto che ha generato questa condizione dolorosa risulta essere un valido alleato per permettere alle strutture del polso di recuperare la fisiologica condizione.
Per questo consiglio a tutti che ne hanno bisogno, soprattutto se per motivi lavorativi devono utilizzare molto il polso, di utilizzare un tutore come quello quà sotto, acquistabile su AMAZON.
I miei pazienti si sono trovati tutti straordinariamente bene con una grande diminuzione di dolore al polso.

Cosa aspetti? Prenota un appuntamento!
Chiama ORA!

3500599735

oppure compila questo form

Se ti è piaciuto l’articolo, dai un voto positivo!

Lascia una recensione
3.5]

You may also like

1 Response Comment

    Leave A Comment

    Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter message.