Cervicale Vertigini è conforme alle misure di sicurezza Covid-19 nella Regione Lazio.

Osteopatia Cervicale

Indice dei contenuti

É possibile unire la parola osteopatia e cervicale? In questo articolo andiamo proprio a capire come le varie tecniche possono essere d’aiuto a risolvere definitivamente il tuo problema di movimento cervicale.

Cos’è il dolore cervicale

Prima di spiegare effettivamente cosa fa l’osteopata per la cervicale e i suoi muscoli, dobbiamo prima chiarire cosa effettivamente si intende per dolore cervicale.

Per cervicalgia si intende una condizione di sofferenza dolorosa oppure di percezione di riduzione della mobilità della zona del collo. Il dolore al collo può derivare da numerose cause come tensioni muscolari, discopatie, traumi, cattiva postura, faccette articolari infiammate e altre condizioni legate a tutta la colonna vertebrale che determinano un sovraccarico della zona.

La cervicalgia quindi si manifesta essenzialmente con un forte senso di dolore, accompagnato da tensione muscolare, sensazione di giramenti di testa, cefalea muscolo tensiva, senso di svenimento e anche vomito.

Trattamento osteopatico per la cervicale

Effettivamente però, che cosa si intende per trattamento di osteopatia per cervicale?

Beh, per rispondere a questa domanda dobbiamo innanzitutto spiegare il razionale che sta alla base del trattamento osteopatico cervicale, sia per quanto riguarda le vertebre cervicali sia per il resto del corpo.

Scopo dell’osteopatia nel trattamento manuale

Sin dal fondatore dell’osteopatia, Andrew Still, il concetto fondamentale dell’intervento manuale dell’osteopata è quello di riportare il corpo ad una condizione di fisiologia, avendo l’organismo la capacità di autoregolarsi e di guarire. Questa guarigione deve essere però indotta attraverso anche un lavoro che consente a distretti bloccati o che non riescono a svolgere la loro funzione a tornare in “sede”.

osteopatia per cervicaleUn altro dei principi di Still era proprio anche l’importanza dei fluidi corporei che devono esser capaci di muoversi e di veicolare sostanze in maniera uniforme.

La sostanza del trattamento osteopatico cervicale verte proprio sia sulla capacità di autoregolazione e autoguarigione che sulla reciprocità della funzione anatomica legata alla struttura.

Tipi di trattamenti osteopatici

Esistono vari tipi di trattamenti che possono essere fatti per l’osteopatia e cervicalgia.

Dobbiamo innanzitutto dividere le varie tecniche osteopatiche in:

  • Tecnica Diretta
  • Tecnica Indiretta

Qual’è la differenza tra questi due tipi di approcci?

Fisioterapia per cervicalgia
Il dr. Daniel Di Segni mentre esegue una manipolazione cervicale

Le tecniche dirette sono quelle che hanno come obiettivo, una volta riscontrate delle disfunzioni di movimento, di riportare in “asse” il distretto andando contro ciò che le tiene in blocco errato. Un esempio è la manipolazione diretta HVLA della vertebra cervicale.

Dolore al piriforme rimedioLe Tecniche Indirette invece utilizzano invece presupposti opposti, cioè vanno nella stessa direzione della disfunzione, determinando quindi un rilassamento e un reset neurologico del sistema per poi, una volta liberate queste “briglie”, riportare la struttura in asse. Un esempio è la tecnica Strain Counterstrain di cui il dr. Daniel Di Segni è operatore autorizzato e certificato.

Leggi Le Recensioni
Più di 300 pazienti hanno lasciato la propria opinione
5,0
Recensioni

 

Come funziona l’osteopata per cervicale

 

Prima di ogni cosa sicuramente è importante andare ad eseguire un’attenta valutazione osteopatica ma anche clinica.

Sì perchè pensare di mettere le mani addosso ad un paziente senza averlo effettivamente valutato, palpato, eseguito dei test di mobilità delle cervicali e aver analizzato tutto il corpo come si comporta è altamente rischioso.

Infatti nel momento in cui il paziente giunge nello studio del dr. Daniel Di Segni, l’anamnesi è accurata e deve esser comprensiva anche della parte di reperti radiografici che aiutano ad avere un quadro ancora più chiaro.

tecniche osteopatia cervicaleCiò che deve esser valutato in un paziente con dolori al collo è sicuramente anche l’impatto della restrizione di mobilità che può avere non solo a livello del collo ma anche dell’influenza del diaframma sulla mobilità.

Bisogna scindere l’approccio classico massoterapeutico di muscoli e ossa con l’approccio osteopatico, che valuta il distretto del collo non solamente come parte muscolo-scheletrico, bensì anche in un’ottica neurofisiologica, di collegamento con gli altri apparati.

Durante il primo approccio bisogna valutare anche lo stato di salute dei nervi delle vertebre cervicali, per capire effettivamente se sono stati intaccati da qualche problema ai dischi oppure da un trauma importante come il colpo di frusta; non bisogna lasciare nulla al caso perchè solamente attraverso un’analisi completa sotto tutti i punti di vista permetterà di intervenire in maniera mirata sul problema.

Molti pensano che l’osteopatia cervicale sia solamente fare qualche scrocchio al collo.

Non c’è cosa più sbagliata. O meglio, purtroppo spesso si vede solamente questo tipo di approccio come la panacea di tutti i mali al collo.

Le tecniche osteopatiche sulla cervicale devono essere mirate, in quanto la motilità della zona rende tutto delicato e meritevole di attenzione.

Osteopatia cervicale quante sedute?

Ottima domanda. Come dicevo prima, la cosa fondamentale è capire se si sta parlando di ernie discali oppure se c’è da correggere una postura scorretta. Ogni cosa necessita di un determinato tempo biologico affinchè il corpo interiorizzi l’informazione che viene data durante una seduta di osteopatia.

Trovo molto singolare quegli osteopati che dicono “in 3 sedute risolvo tutto e sarai dritto e perfetto”…

Amo dire, durante la mia valutazione, che sarà molto importante per poter aiutare il trattamento fisioterapico ed osteopatico di aiutare il sistema con degli esercizi. Non bastano due tre manipolazioni date al paziente per costruire un assetto sano e robusto.

Il numero di sedute quindi è dipendente anche dalle condizioni patologiche del paziente, da che grado di compromissione ha per quel problema cervicale e che si potrà affrontare meglio il tutto solamente dopo un’attenta valutazione.

Nel mio studio a Roma, l’approccio del paziente è un cucito con un trattamento di osteopatia cervicalgia su misura delle esigenze, andando quindi a ridurre al massimo il numero di incontri.

Scrivi Una Recensione
Più di 300 pazienti hanno lasciato la propria opinione
5,0
Scrivi su Google

Se si fanno anche degli esercizi mirati al problema cervicale con attività fisica, è possibile ancora di più ridurre il numero di sedute in quanto c’è un effettivo “bombardamento” di informazioni e di correzioni.

Consigli per alleviare il dolore cervicale

Ovviamente la miglior soluzione è quella di farsi vedere da uno specialista come il Dr. Daniel Di Segni per poter affrontare al meglio e risolvere in poche sedute.

Vediamo quindi 3 consigli per gestire meglio il dolore cronico cervicale.

Non ti scrocchiare il collo da solo

Un’abitudine molto comune è quella di alcuni pazienti di “autoscrocchiarsi” il collo perchè gli dà un temporaneo beneficio.

Attenzione però: innanzitutto è qualcosa di aspecifico e non aiuta per niente nel sistemare la situazione. Inoltre crea, a lungo andare, una sorta di indebolimento e detensionamento dei tessuti molli andando quindi a creare ancora di più uno squilibrio sul collo.

Sistema la postazione lavorativa

Passare tante ore in posizioni anomale non aiuta affatto il collo.

Ecco alcuni suggerimenti per migliorare la tua postazione:

  • Alza il monitor a livello dello sguardo visivo
  • Aumenta lo zoom dei caratteri in modo da non doverti avvicinare allo schermo
  • Usa una sedia adeguata ed ergonomica
  • Alzati ogni tanto (20 min) peer sgranchirti le gambe ed il collo

Stretcha i muscoli tutti i giorni

Avere una buona routine quotidiana di esercizi semplici e veloci per elasticizzare il collo e i muscoli è una buona cosa.

Cerca infatti di allungare il trapezio, lo Sternocleidomastoideo, e tutti i muscoli anteriori per evitare sovraccarichi e dire finalmente un ciao definitivo a quei disturbi di tensione muscolare che senti al collo.

Ti lascio un video dove ci sono un po’ di stretching dei muscoli del collo.

Prenota una visita a Roma
Scrivimi su WhatsApp per prenotare una visita
Riguardo Daniel Di Segni
Daniel Di Segni
Nel mio Studio “Cervicale e Vertigini” di Roma, investo moltissime risorse economiche e professionali per permettere al paziente di avere una fisioterapia di qualità ed individuare il miglior percorso riabilitativo per la singola esigenza e situazione del paziente riducendo quindi il numero delle sedute fisioterapiche.

Vedi Biografia

Hai Bisogno di Aiuto?

    Articoli Correlati
    Articoli correlati
    Indice dei contenuti
    Copyright © 2021 Cervicale Vertigini del Dott. Daniel Di Segni - Via dei Laterani, 28, 00184 Roma RM - P.IVA 13326321000 - Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. Privacy & Cookie Policy

    Il sito web www.cervicalevertigini.it è un sito medico-scientifico con finalità divulgative, non costituisce un mezzo di autodiagnosi o di automedicazione, né sostituisce la consultazione medica e la relazione medico/paziente, le terapie indicate rispondono in modo diverso a seconda dei casi e della patologia del paziente. In questo sito vengono consigliati prodotti e strumenti da acquistare tramite Amazon. Questo sito è affiliato ad Amazon, tutte le transazioni saranno dirottate sul profilo personale Amazon di ciascun utente. Il Sito non si ritiene responsabile per nessuna tipologia di acquisto/recesso.