Nella classificazione dell’IHS (International Headache Society – ente che studia e classifica le cefalee), una menzione importante e uno studio approfondito è rivolto alla cefalea tensiva secondaria a disturbi cervicali.

Ma come può una problematica cervicale determinare un mal di testa?

Cause e fisiologia del dolore da cefalea da cervicale

La spiegazione ce la dà l’anatomia umana e lo studio della neurofisiologia:

dal tronco encefalico (la parte più profonda del sistema nervoso dove ci sono i nuclei dei vari nervi cranici e che regolano gli aspetti vegetativi dell’uomo) si origina il nervo trigemino che si occupa di innervare con i suoi rami la sensibilità della faccia.

Questo nervo però è formato da tre rami che sono:

  • Ramo oftalmico: riceve afferenze sensoriali e innerva la zona della fronte e della parte superiore del naso.
  • Ramo Mascellare: si occupa della sensibilità della parte inferiore della faccia, compresa la sensibilità della bocca, occhio.
  • Ramo Mandibolare: è un nervo misto, sia sensitivo che motorio, con la responsabilità di innervare i muscoli masticatori ed elevatori del palato, fondamentale per la deglutizione e per la masticazione.

Questo preambolo si inserisce nella porzione anatomica e della conformazione del nucleo trigemino nella sua componente sensitiva, il quale scende dal tronco encefalico e arriva fino alla terza vertebra cervicale; questo nucleo a sua volta è suddiviso in:

  1. nucleo mesencefalico: si occupa della sensibilità propriocettiva del collo e della testa, cioè la nuclei trigeminalicapacità di discriminare la posizione nello spazio di questi due distretti corporei.
  2. Nucleo sensitivo: si occupa principalmente della sensibilità pressoria e tattile dei territori innervati dal nervo trigemino.
  3. Nucleo spinale: questa parte di nucleo è lunga e si sviluppa in basso fino alla prime vertebre cervicali, è responsabile della sensibilità dolorifica e termica.

Queste nozioni sono fondamentali per capire il perchè alcuni mal di testa si sviluppano inizialmente nella porzione posteriore della testa fino ad arrivare fino alla zona temporale sopra l’orecchio, terminando quindi nella zona retro-oculare.

Ma perchè una problematica cervicale dovrebbe irradiarsi anteriormente fino all’occhio, quando si origina dal collo?

Perchè dal nucleo spinale del nervo trigemino partono anche le terminazioni nervose che innervano i vasi sanguigni della meninge (la dura madre specificatamente), generando quindi un dolore che si propaga lungo il decorso del nervo arrecando non pochi dolori ai pazienti con cefalea.cefalea da cervicale

Questa spiegazione molto semplificata serve intanto a capire il perchè le cefalee cervicogeniche si sviluppano e del perchè seguono questo decorso.

Il trattamento per questo tipo di problematiche è essenzialmente di due tipi: Manipolatorio e fasciale.

Grazie alle manipolazioni dei distretti cervicali superiori, abbiamo la capacità di interrompere un afferenza dolorosa e disfunzionale che si origina dalle faccette articolari delle vertebre, andando quindi ad interrompere il segnale irritativo che si genera, permettendo un immediata risoluzione della sintomatologia.

Con il trattamento fasciale invece, possiamo permettere un rilasciamento del tessuto connettivo che avvolge i muscoli cervicali e che hanno determinato una tensione irritativa a livello cervicale, con conseguente stimolazione nocicettiva del nervo trigemino.

Guarire dalla cefalea si può, basta controllare la tua cervicale!

Contattami al

3500599735

oppure compila questo form

Lascia una recensione
4.3]