aifimm

Intervista a Mauro Lastrico

É un piacere ospitare per questa interessante chiacchierata Mauro Lastrico,fisioterapista e docente della metodica Mezieres insegnata ormai da vari anni in tutta Italia a tantissimi professionisti che vogliono intraprendere un percorso di terapia manuale e di trattamento rieducativo posturale.

Ciao Mauro e grazie per la disponibilità! Parlaci intanto di te, del tuo percorso formativo e professionale.

Mauro LastricoHo 54 anni. Mi sono diplomato come fisioterapista presso la clinica neurologica dell’università di Genova nel 1984. Sin da subito mi è stato chiaro che intendevo esercitare la libera professione e così ho cominciato ad ampliare le mie competenze con vari corsi di terapia manuale.
Nel 1988 sono approdato a Parigi (Noisy Sur l’Ercole per l’esattezza) dove ho seguito il corso sul Metodo Mézières con la stessa Françoise Mezieres.
E’ stato il corso che ha segnato la mia intera vita professionale.  Al ritorno ho provato ad utilizzarlo e mi sono subito accorto di ottenere risultati migliori rispetto alle tecniche che precedentemente adoperavo. Ma soprattutto soddisfava la mia “mentalità” matematica, il Metodo è infatti fisica applicata.
Altri incontri importanti sono stati quelli con il dott. Silvestrini, gnatologo, che mi ha aperto il mondo delle disfunzioni cranio-mandibolari e del dott. Chiri, osteopata, che mi ha permesso di integrare tecniche di tipo viscerale nel lavoro Mezieres.

Cosa ti ha portato all’insegnamento e alla formazione?

E’ una delle cose che facevano parte del “cosa vorrei fare da grande” , da studente mi sentivo portato per la medicina, la fisica e l’insegnamento. Poi per varie ragioni ho scelto di fare fisioterapia ma alla fine sono riuscito a riunire il tutto. In particolare dopo essere tornato da Parigi ho passato molte ore in compagnia di amici fisici ed ingegneri per dare un contenuto scientifico ai concetti empirici enunciati da Mezieres.

Quali sono i corsi secondo te “must do” di un buon terapista?

mezieres lastricoUn terapista è un buon terapista quando fa quello per cui è portato e quando crede ai presupposti scientifici di quello che esegue.
Esistono molte tecniche che pur avendo una curva dei risultati simile si basano su presupposti scientifici molto diversi e a volte contrapposti. Attualmente non disponiamo di sufficienti informazioni per stabilire dove sia di casa la ragione.
Per semplificare, tutte le tecniche potrebbero rientrare in 3 grandi filoni interpretativi ed applicativi: quello strutturale (il problema è causato dalla struttura, quindi lavoro sulla struttura attraverso la struttura e così facendo le forze muscolari andranno in spontaneo riequilibrio); quello del deficit muscolare (il problema della struttura è causato dalla debolezza di alcuni muscoli, quindi lavoro sulla struttura attraverso il rinforzo muscolare); quello dell’eccesso di tono muscolare (il problema della struttura è causato dall’accorciamento asimmetrico del sistema muscolare, quindi lavoro sulla struttura attraverso la diminuzione della forza resistente e l’aumento della capacità elastica dei muscoli).
Credo quindi che ognuno dovrebbe chiedersi quale tipo di approccio lo convince di più e cercare di muoversi al suo interno. Esistono ottime tecniche in tutti i “filoni” di pensiero.

Hai assistito al passaggio da terapista ” tuttofare” al terapista con formazione solo EBM, qual’è la tua visione?

A torto o a ragione mi considero un uomo di scienza e quindi non posso che essere contento di un passaggio verso la specializzazione. Ma sono anche uomo di scienza del mio tempo con la consapevolezza di quanto, nel corso del tempo, è cambiato e cambierà ciò che è ritenuto scientifico.
Per questo motivo un approccio ai parametri EBM troppo rigido mi trova perplesso.

Ci parli brevemente della metodica Mezieres?

aifimmE’ una tecnica impegnativa per il terapista ma affascinante. Impegnativa perché necessita di buone basi di anatomia e biomeccanica, affascinante perché è al contempo analitica e sistemica. E’ in grado cioè di agire sia sulle problematiche determinate da una causa locale che da una causa riferita da un altro distretto corporeo. Per far questo è però necessario un approfondito esame obiettivo che impegna non poco il terapista.
Naturalmente non è una tecnica universale, né sempre funziona. La curva dei risultati del Mezieres è in linea con quella delle maggiori tecniche utilizzate in campo riabilitativo nei follow up del breve periodo. Sopra la media per i follow up a lungo termine.

Come ti immagini l’ambito riabilitativo nei prossimi anni?

La nostra è una professione giovane e in continua crescita. Credo andrà avanti così, professionisti sempre più preparati ed autonomi.

Grazie Daniel per la bella chiacchierata e per aver fatto questa intervista!

Hai bisogno di aiuto?

Contattami adesso

cicatrice cesareo

Cicatrice Cesareo

Hai subito un parto e hai scelto per partorire un parto cesareo? Probabilmente adesso hai una…
contrattura polpaccio

Contrattura polpaccio

Senti un irridigimento a livello del polpaccio e pensi di avere una contrattura polpaccio? Scopriamo insieme…
Fisioterapia cervicale

Fisioterapia cervicale

Nel corso del tempo la fisioterapia cervicale è cambiata molto, in quanto le scoperte scientifiche e lo…
Spalla Rotta

Spalla Rotta

Hai avuto un trauma o una caduta e hai una spalla rotta? Affrontiamo bene questa situazione e…
taping alla spalla

Taping alla spalla

Hai un dolore alla spalla e hai visto in giro persone con lo stesso problema andare…
cos'è una manipolazione

Chiropratico

Hai un qualche dolore alla schiena o alle articolazioni e stai cercando un chiropratico? Scopriamo insieme cosa…
Facebook 0
Google+ 0
LinkedIn 0
WhatsApp
Dott. Daniel Di Segni

Dott. Daniel Di Segni

Laureato presso "La Sapienza" di Roma in Fisioterapia con votazione 110 e lode.
Specializzato nel trattamento del dolore e delle problematiche muscolari tramite la terapia manuale

Vedi gli Articoli

Altre Interviste che potresti continuare a leggere

All articles loaded
No more articles to load

Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Chiudi il menu

La tua Opinione per me è importante

4,9 16 Recensioni da Facebook
5,0 128 Recensioni da Google

Il titolare del trattamento dei dati raccolti, a seguito della consultazione di questo sito, è Daniel Di Segni con sede legale a Roma– Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM ) phisio.daniel@gmail.com

Dati e modalità del trattamento
L’acquisizione dei vostri dati personali inviatici in modo facoltativo, esplicito e volontario via mail o mediante la compilazione di appositi moduli di richiesta durante la consultazione di questo sito, è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Questi dati verranno utilizzati solo a fini statistici anonimi, relativi all’uso di questo sito, per controllarne il corretto funzionamento e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità, in caso di ipotetici reati informatici ai danni del presente sito. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti, che si connettono a questo sito ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati
In qualunque momento, potete chiederci la conferma dell’esistenza o meno dei vostri dati e conoscerne il contenuto, l’origine o chiederne l’aggiornamento. Potete inoltre chiederne la cancellazione o la trasformazione in forma anonima.

Eventuali richieste potranno essere rivolte:
Via e-mail, all’indirizzo phisio.daniel@gmail.com
oppure via posta, a: Daniel Di Segni – Roma – Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM )

Leggi la privacy policy da qui: Privacy Policy