Tutore Polso: Guida Completa

Ti hanno prescritto un tutore per il polso ma non sai quale scegliere? Scopri quali sono i vari modelli, le caratteristiche e quale scegliere in base alla tua problematica.
tutore al polso

Hai subito una botta al polso e ti hanno consigliato il tutore ? Oppure ti hanno diagnosticato una tendinite e adesso hai bisogno di un tutore al polso? Scopriamo insieme una guida completa sul tutore polso: a cosa serve e come utilizzarlo per guarire definitivamente

A cosa serve

tutore polsoIl tutore al polso ha uno scopo ben preciso: alleviare il dolore al polso fino a farlo sparire definitivamente. Generalmente viene utilizzato nelle condizioni che presuppongono una situazione infiammatoria e che necessitano quindi di riposo. Questo permette, nel corso del tempo, di ridurre lo stress meccanico che si è venuto a creare sul tendine o sull’articolazione, posizionandolo quindi in una maniera funzionale e che permette comunque il movimento ma senza andare a sovraccaricare tutto il comparto. Quando ci viene detto dal medico di utilizzare un tutore per il polso, pensiamo subito che si tratta allora di una sciocchezza. In realtà non dobbiamo sottovalutare questo aspetto. Il tutore per il polso non è solamente un supporto mobile da indossare facoltativamente.

Il tutore al polso è un vero e proprio rimedio per il dolore al polso se abbinato alla corretta fisioterapia manuale e strumentale.

Ma quali sono le funzioni che deve avere un supporto di questo genere?

  • Aiutare durante l’attività sportiva ad avere una maggior stabilità durante il gesto atletico e permettere quindi di avere maggior controllo della mano
  • A Seguito di un intervento chirurgico, il medico spesso prescrive un tutore che possa mantenere il riposo dell’articolazione e favorire un corretto iter post-operatorio
  • Offre una protezione in caso di movimenti errati, fuori controllo e potenzialmente pericolosi sulla struttura
  • Sostiene durante l’attività manuale (lavorativa e non) in modo da ridurre il più possibile gli eventuali stress a carico dei tessuti molli che andrebbero incontro a deterioramento oppure ad infiammazione
  • Riduce il dolore nelle patologie infiammatorie e aiuta a percepire meno dolore nel recupero riabilitativo.

Le caratteristiche di un tutore per il polso

Veniamo ora a quali sono le caratteristiche imprescindibili che devono avere i vari tutori per il polso. Sì perchè ogni tutore sarà fatto magari con materiali diversi e con una forma diversa, ma ci sono alcuni concetti che mi preme consigliare e che devono comunque esserci.

  • Ergonomicità: nel momento in cui si utilizza questo strumento, è fondamentale che questo debba rispettare le forme, le caratteristiche e le linee di tensione che ogni articolazione adotta. Deve rispettare tutte le caratteristiche della zona, sia per la parte ossea che per la componente molle come cartilagine, tendini, capsula articolare e legamenti.
  • protezione tutore polsoProtezione: durante l’esecuzione dei movimenti, il polso deve esser protetto e custodito, evitando quindi di poter ricevere urti o movimenti errati che ricreano il fastidio infiammatorio.
  • Comodo: Il paziente deve trovarlo agevole sia nell’indossarlo sia nella pratica quotidiana dei movimenti. Un oggetto scomodo risulta essere difficile da portare e viene più abbandonato, nonostante possa servire ancora.
  • Igienico: Deve esser costruito in maniera igienica, con materiali di buona qualità e permettere ai tessuti di non generare un cattivo odore a causa della sudorazione. I materiali quindi devono essere di ottima fattura e di ottima qualità, in quanto può capitare anche possano comparire delle allergie o delle tossicità di un determinato materiale.
  • Resistente: Quando si utilizza per molto tempo, si spera che questo tutore possa resistere nel corso del tempo. Compreresti mai un oggetto che dopo un mese è inutilizzabile???

Quando utilizzarlo

Ti stai chiedendo quando utilizzare il tutore al polso? Se la risposta è si, qui di seguito ti spiego in quali casi si ricorre all’utilizzo del tutore polso.

  • Tendinite degli estensori del polso
  • Sindrome Di De Quervain
  • Frattura al polso (della stiloide radiale o della stiloide ulnare oppure dello scafoide)
  • Polsiera sportiva
  • Tutore Polso Adesivo
  • Tunnel Carpale
  • Cisti al polso
  • Artrosi del polso
  • Paresi della mano dopo un ictus

Parola all’esperto che ci consiglia i modelli

Visionando online le migliori case produttrici per articoli di ortopedia (come appunto per i tutori al polso), abbiamo selezionato i migliori modelli per le varie patologie che possono rendere necessario l’utilizzo di questa ortesi.

Vediamo patologia per patologia quali sono i modelli migliori da comprare per le patologie del polso.

Tutore polso per tendinite degli estensori del polso

Una delle patologie che colpisce maggiormente il polso è la tendinite dei muscoli estensori, cioè quella condizione infiammatoria a carico dei tendini che permettono al polso di esser portato verso l’alto. É una condizione più comune di quanto si pensi e un buon supporto nel trattamento di queste condizioni infiammatorie sono proprio i tutori per il polso. Scegliere un modello corretto equivale nel mettere a riposo quella situazione infiammatoria e velocizzare il percorso terapeutico insieme alla fisioterapia.

Questo modello acquistabile su Amazon non solo è fatto di un materiale lavabile molto comodo da indossare, ma ha il pregio di esser studiato apposta anatomicamente per il polso, rendendo quindi il suo utilizzo facile e comodo. Vi metto quà sotto dove poterlo acquistare, semplicemente cliccando sul pulsante “compra su AMAZON”; inoltre questo modello presenta una caratteristica molto importante, in quanto il materiale è dotato di neoprene, un materiale specifico che serve a mantenere l’igiene ed evitare la deposizione di batteri che potrebbero causare, insieme al sudore, un cattivo odore della zona.

Sindrome di De Quervain: il tutore adatto

Nella condizione infiammatoria della sindrome di De Quervain ciò che viene ad essere infiammato è la zona entro cui passa il tendine estensore del pollice e dell’abduttore del pollice. Questa condizione è molto dolorosa e rappresenta una importante limitazione nella vita quotidiana, in quanto ogni minimo gesto che coinvolga il pollice diventa doloroso e difficoltoso.

Un buon alleato per questo genere di disfunzione è un tutore che possa proteggere la zona mantenendo il pollice in posizione neutra senza stirare eccessivamente il tendine che evocherebbe dolore. Per questo consiglio questo supporto molto valido fatto con ottimi materiali che possa aiutare nella gestione del dolore e delle attività di vita quotidiane.

Frattura al polso

Se a seguito di una frattura che riguarda le strutture che coinvolgono il polso, è necessario molto spesso utilizzare un tutore rigido che permettono di stabilizzare la zona ed evitare quindi che la lesione ossea peggiori. Inoltre, se c’è stato un intervento chirurgico di stabilizzazione della rottura dell’osso, il medico ortopedico potrebbe suggerire questo tipo di supporto per il percorso post-operatorio.

Polsiera sportiva

Veniamo ora a parlare dei supporti morbidi che possono essere utilizzati durante le attività sportive per donare maggior compattezza all’articolazione senza però limitare i movimenti. Ovviamente questi tipi di tutori sono indicati nei pazienti che non hanno una vera e propria patologia ma sentono che, durante i loro movimenti, sentono un bisogno di avere una maggior stabilità nel gesto atletico. Sono molto utili soprattutto per chi fa sport come il tennis, il golf e la pallavolo.

Tutore polso adesivo

Come nelle condizioni non gravi, questo tipo di struttura serve semplicemente a ridurre lo stress in flessione dell’articolazione, favorendo quindi una diminuzione del dolore. Questo modello che vi consiglio è dotato della possibilità di rimuovere la stecca in modo da renderlo più adatto alle varie condizioni personali del paziente. Anche questo è dotato di materiale anallergici e che permettono la traspirazione della pelle, in modo da essere molto igienici; si utilizza spesso per evitare contratture muscolari e favorire la normalità dell’escursione articolare.

Tutore per il tunnel carpale

Questa condizione è caratterizzata da una compressione a livello del polso del nervo mediano che, nel momento in cui passa al di sotto del legamento trasverso del carpo, trova un restringimento e quindi comincia a manifestare questa sua sofferenza con un quadro sintomatologico particolare come mano che si addormenta, formicolio, dolore e, nei casi più gravi, anche perdita di contrazione muscolare dei muscoli della mano.

Per questa condizione comunque, oltre alla fisioterapia e all’eventuale trattamento chirurgico, si suggerisce l’acquisto di un supporto specifico per il polso capace di donare un sollievo alle strutture e permettere, nel corso del tempo, di avere una riduzione dell’ingorgo che si è venuto a creare nella zona del polso.

Questo tutore che vi mostro è il migliore in circolazione, capace con la sua stecco-benda di ridurre il dolore giorno e notte; inoltre è dotato di materiali molto validi che ne permettono l’utilizzo in maniera controllata e senza discomfort.

Tutore per le cisti al polso

Nel caso in cui si siano create delle cisti che si localizzano a livello del tendine nel polso, queste possono evocare un dolore e un fastidio durante le attività che richiedono una stabilizzazione della mano e dell’attività flessoria del polso. Per questo motivo vi mostro questo modello veramente ben fatto che fa al caso proprio di condizioni di sforzo per il polso.

Tutore per l’artrosi del polso e del pollice

Nel caso in cui, purtroppo, ci sia una artrosi del polso oppure del pollice, queste strutture, per poter far passare l’infiammazione che deriva dallo sfregamento delle superfici articolari, necessitano di riposo e di un tutore capace di mantenere fisiologicamente queste articolazioni in posizione neutra. Ovviamente non è che questi strumenti possano far ricomparire magicamente la cartilagine all’interno del polso o del pollice, ma possono comunque essere di grande aiuto per non sentire dolore e per non avere fastidi durante i movimenti.

Per l’artrosi del polso il mio consiglio è questo modello quì sotto.

Per quanto riguarda invece la rizoartrosi (artrosi del pollice) molto utile è questo tutore che, oltre ad essere molto valido e sperimentato da me sui miei pazienti, è dotato di tantissime recensioni positive.

Tutore per la mano dopo un ictus

Ricordo molto bene la difficoltà, durante i miei anni passati in ospedale in reparto riabilitativo, come molti pazienti che avevano subito un infarto cerebrale nella difficoltà ad aprire la mano e che, durante le sessioni di riabilitazione, sentissero molto dolore durante gli esercizi per aprire la mano. Per questo ho voluto inserire anche in questa guida diciamo di carattere ortopedico, un aiuto anche per quelle persone che comunque combattono per la riabilitazione e nel recupero post ictus. Questo tutore aiuta nel mantenere la mano aperta e favorire l’allungamento dei tendini che altrimenti, a causa della spasticità, tenderebbero a chiudere la mano ed il polso.

Ti è stato d'aiuto?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Contattami

La nostra sede è a Roma, in via dei Laterani, 28 (Roma)

Chiudi il menu

La tua Opinione per me è importante

4,9 16 Recensioni da Facebook
5,0 128 Recensioni da Google

Il titolare del trattamento dei dati raccolti, a seguito della consultazione di questo sito, è Daniel Di Segni con sede legale a Roma– Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM ) phisio.daniel@gmail.com

Dati e modalità del trattamento
L’acquisizione dei vostri dati personali inviatici in modo facoltativo, esplicito e volontario via mail o mediante la compilazione di appositi moduli di richiesta durante la consultazione di questo sito, è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Questi dati verranno utilizzati solo a fini statistici anonimi, relativi all’uso di questo sito, per controllarne il corretto funzionamento e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità, in caso di ipotetici reati informatici ai danni del presente sito. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti, che si connettono a questo sito ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati
In qualunque momento, potete chiederci la conferma dell’esistenza o meno dei vostri dati e conoscerne il contenuto, l’origine o chiederne l’aggiornamento. Potete inoltre chiederne la cancellazione o la trasformazione in forma anonima.

Eventuali richieste potranno essere rivolte:
Via e-mail, all’indirizzo phisio.daniel@gmail.com
oppure via posta, a: Daniel Di Segni – Roma – Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM )

Leggi la privacy policy da qui: Privacy Policy