Viso Gonfio

Avete dovuto assumere per un periodo lungo del cortisone e il viso si è gonfiato? Notate che la pelle della faccia trattenga liquidi e sia presente un viso gonfio?

Le cause

Il viso è la parte più importante del nostro corpo, in quanto permette attraverso la muscolatura facciale di poter non solo parlare, ma anche mostrare gli stati d’animo e relazionarsi con gli altri.

Molteplici sono i muscoli facciali (15 coppie) , tutti innervati dal Nervo Facciale, il quale a sua volta si origina dalla parte più profonda del sistema nervoso. Questi muscoli sono estremamente reattivi e sincronizzati, i quali attraverso la loro contrazione riescono a esprimere uno stato d’animo e a permettere di articolare adeguatamente le parole.
La coordinazione e il movimento di questi muscoli a volte può essere compromesso a causa di una problematica che interessa il nervo, causandone la paralisi.

Varie possono essere le cause che possono portare ad un viso gonfio, come l’utilizzo di farmaci cortisonici: Questo tipo di farmaci si utilizzano nelle condizioni infiammatorie o autoimmuni, in quanto la loro azione modula la risposta immunitaria. Un effetto collaterale però di questi farmaci è il gonfiore del viso e delle mani, causati proprio dalla ritenzione idrica indotta dal cortisone.

Lo stress, come tutti sanno, inficia moltissimo sul nostro corpo, generando vere e proprie malattia: anche per quanto riguarda la muscolatura facciale, questo agisce rendendo il viso (soprattutto nelle donne) stanco, poco elastico e soprattutto gonfio. Questa sintomatologia va comunque inquadrata in un tipo di situazione più globale, dove risulta essere necessario innanzitutto cercare di interrompere il segnale irritativo alla nostra mente, cambiando le abitudini e concedendosi relax.

Anche la ritenzione idrica, condizione che colpisce spessissimo le donne, risulta essere evidente anche a livello del viso, dove è possibile notare soprattutto nella zona intorno all’occhio e a livello degli zigomi, una pelle tesa e gonfia, carica di liquido. In questo caso l’utilizzo eccessivo di sale all’interno della dieta e una predisposizione genetica, favoriscono l’insorgenza di questa condizione.

La cura per il viso gonfio

Come sempre avviene in medicina, risulta essere fondamentale individuare la causa che ha generato questo viso gonfio, in quanto la corretta individuazione dell’eziologia del problema può permettere un approccio mirato ed efficace.

Se l’utilizzo di farmaci (soprattutto cortisonici) genera questo tipo di problemi, la sospensione di questi aiuta nel medio-lungo periodo permettendo un ritorno ad una fisionomia pre-malattia; nell’immediato però la fisioterapia può aiutare enormemente.

Come la fisioterapia aiuta con il viso gonfio?

Sgonfiare un viso con una ritenzione di liquidi non è semplice, soprattutto se la condizione perdura da parecchio tempo.
La zona intorno agli occhi (palpebre piene di liquidi) e attorno agli zigomi sono generalmente le parti più evidenti in cui si manifesta un gonfiore al viso; la zona anche intorno alla bocca (soprattutto agli angoli) sono spesso ricchi di liquido con una diminuzione della possibilità di muovere i muscoli mimici.

Il fisioterapista attraverso alcune manovre delicate permette di far confluire il liquido che rimane stagnante nelle zone facciali attraverso canali “di scolo”, permettendo già dalla prima seduta di sentire un viso nuovo e più sgonfio. Questa metodica è il linfodrenaggio, tecnica proprio per ridurre l’edema nelle zone dove si è creato un addensamento di liquido e che non riesce a confluire adeguatamente.
L’utilizzo di manovre adeguate per drenare il gonfiore che si è generato permette di recuperare anche la muscolatura mimica della faccia.

Linfodrenaggio per il viso gonfio

Associata al linfodrenaggio molto importante è anche un tipo di ginnastica specifica attraverso la metodica Kabath dei vari muscoli facciali: quando è presente un gonfiore in faccia, il corpo cerca di limitare l’attivazione dei vari muscoli con perdita anche di tono dei vari muscoli della faccia. Questo comporta che permane una stasi dei vari liquidi e di una perdita di forza dei vari muscoli degli occhi e della bocca, compromettendo anche la possibilità di muovere correttamente e in sincronia i muscoli della faccia.

Taping neuromuscolare per il viso gonfio

Anche il taping neuromuscolare, applicato con la modalità proprio per ridurre l’edema, può fornire un valido aiuto da parte del fisioterapista per permettere al paziente di ridurre questo fastidioso edema e gonfiore. Come mostrato dall’immagine, l’applicazione di questo cerotto (ricordo senza alcun farmaco all’interno) senza tensione elastica ma con una tensione dermica favorisce durante il movimento facciale (magari con esercizi specifici) un progressivo e costante svuotamento di liquido.

Facebook 0
Google+ 0
LinkedIn 0
WhatsApp

La nostra sede è a Roma, in via Capo D'Africa 31, Zona Colosseo

Hai bisogno di aiuto?

Chiedi il mio aiuto

Chiama

Chat

Email

Spalla Rotta

Spalla Rotta

Hai avuto un trauma o una caduta e hai una spalla rotta? Affrontiamo bene questa situazione e scopri come stare bene. Quando parliamo di fratture o

cicatrice cesareo

Cicatrice Cesareo

Hai subito un parto e hai scelto per partorire un parto cesareo? Probabilmente adesso hai una cicatrice cesareo; scopriamo insieme cosa è e come va trattata

Fisioterapia cervicale

Fisioterapia cervicale

Nel corso del tempo la fisioterapia cervicale è cambiata molto, in quanto le scoperte scientifiche e lo studio approfondito dell’anatomia e della biomeccanica hanno potuto indagare

Dott. Daniel Di Segni

Dott. Daniel Di Segni

Laureato presso "La Sapienza" di Roma in Fisioterapia con votazione 110 e lode.
Specializzato nel trattamento del dolore e delle problematiche muscolari tramite la terapia manuale

Chi Sono

Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Chiudi il menu

La tua Opinione per me è importante

4,9 16 Recensioni da Facebook
5,0 128 Recensioni da Google

Il titolare del trattamento dei dati raccolti, a seguito della consultazione di questo sito, è Daniel Di Segni con sede legale a Roma– Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM ) phisio.daniel@gmail.com

Dati e modalità del trattamento
L’acquisizione dei vostri dati personali inviatici in modo facoltativo, esplicito e volontario via mail o mediante la compilazione di appositi moduli di richiesta durante la consultazione di questo sito, è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Questi dati verranno utilizzati solo a fini statistici anonimi, relativi all’uso di questo sito, per controllarne il corretto funzionamento e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità, in caso di ipotetici reati informatici ai danni del presente sito. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti, che si connettono a questo sito ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati
In qualunque momento, potete chiederci la conferma dell’esistenza o meno dei vostri dati e conoscerne il contenuto, l’origine o chiederne l’aggiornamento. Potete inoltre chiederne la cancellazione o la trasformazione in forma anonima.

Eventuali richieste potranno essere rivolte:
Via e-mail, all’indirizzo phisio.daniel@gmail.com
oppure via posta, a: Daniel Di Segni – Roma – Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM )

Leggi la privacy policy da qui: Privacy Policy