Frattura del calcagno

Hai messo il piede in fallo e hai sentito un grande dolore al piede e al calcagno?

Attenzione! Potresti avere una frattura del calcagno!Scopriamo insieme cosa è e come guarire con la fisioterapia!

Anatomia e biomeccanica

Il calcagno è un osso del piede molto importante che durante la stazione eretta sopporta il peso di tutto il corpo. Quest’osso è collegato ad un altro osso (astragalo) formando l’articolazione astragalo-calcaneare.

Il calcagno però è collegato alle altre ossa del piede attraverso vari legamenti che lo rendono ben saldo durante i movimenti di lateralità che il piede compie (eversione ed inversione). Molto importante da ricordare che sul calcagno si inserisce il tendine d’achille, il tendine più resistente del nostro corpo che è formato superiormente dal polpaccio.

legamenti cavigliaÉ facile capire quindi quanto è importante durante sia la deambulazione e la corsa il calcagno per distribuire non solo le forze che si generano durante questi movimenti, ma anche perchè l’articolazione sotto-astragalica (quella citata precedentemente) garantisce i movimenti laterali del piede. La caviglia infatti (intesa come articolazione tra la tibia, perone e astragalo) compie come movimenti “puri” solamente la flessione e l’estensione, mentre i movimenti di lateralità dall’articolazione al di sotto dell’astragalo.

Come già detto, la caviglia e il calcagno hanno un fitto retinacolo di legamenti e tendini che gli permettono di essere stabile, elastica e nello stesso momento anche molto stabilità.
Quì sotto è possibile apprezzare l’intricato retinacolo di legamenti e tendini.

Come avviene e i tipi

La frattura del calcagno rappresenta la frattura più frequente per ciò che concerne il tarso (le ossa del piede); generalmente questo tipo di lesione colpisce principalmente l’età adulta e il meccanismo principale in cui c’è questo tipo di frattura è una caduta dall’alto sui talloni. Fortunatamente ormai è quasi scomparsa la “frattura da stress” cioè un tipo di lesione ossea caratterizzata da una sollecitazione continua e ripetuta nel tempo

Il trauma quindi che agisce su questi è diretto, determinando una possibile lesione sia a livello della parte “morbida” dell’osso sia verso la parte “dura”.
Bisogna specificare che questo osso è formato per la maggior parte da tessuto spongioso (componente ossea morbida) ricoperto da una componente sottile e dura (corticale). Questa parte però si inspessisce a livello delle superficie antero-superiore, cioè nei punti in cui deve sopportare la maggior parte delle sollecitazioni e del carico del corpo.

In ortopedia si suddividono vari tipi di fratture del calcagno:

  • frattura a becco d'oca
    Frattura a becco d’oca del calcagno

    Extratalamiche: si intendono le fratture isolate delle apofisi e fuori l’articolazione tra il calcagno e l’astragalo; sono le meno frequenti. Comprendono anche le lesioni ossee caratterizzate dall’avulsione di osso da parte del tendine d’Achille creando la famosa frattura “A becco d’oca).

  • Talamiche: in questo caso è possibile addirittura eseguire una sotto classificazione: retrotalamiche, pretalamiche e talamiche. Queste fratture sono molto importanti perchè è necessario valutare se è presente un infossamento o meno (cioè un introflessione dell’osso nella sua parte articolare) e ciò determina un’alterazione nei rapporti tra astragalo e Calcagno con particolare gravità sia sotto l’ottica prognostica e terapeutica.

Per una panoramica più completa suggerisco la visione anche di questo video che permette di vedere in maniera efficace i vari tipi di fratture del calcagno.

Diagnosi

frattura del calcagnoLa scelta da parte del medico che visita in prima istanza il paziente è sicuramente quella di sottoporre la parte interessata ad un esame radiografico tramite raggi X, capaci di mostrare la parte ossea e vedere se è presente una qualche rima di frattura e la posizione eventualmente della stessa.
Una volta eseguita questa indagine, è bene monitorare anche lo stato di salute dei tessuti molli che comprendono la zona della caviglia e del piede; per questo motivo consiglio sempre per avere un quadro più chiaro anche una risonanza magnetica.
Questa permetterà di vedere sia la parte legamentosa (eventuli distrazioni o lesioni) ma anche la parte tendinea (spesso a carico dei tendini è presente un infiammazione e un coinvolgimento durante il trauma).

Sintomatologia

ecchimosi talloneIn caso di una frattura del calcagno il paziente generalmente avverte subito un grandissimo dolore nella zona del calcagno che non gli permette di camminare e poggiare del carico durante la deambulazione.
L’ecchimosi (cioè la formazione di sangue violaceo sulla pelle) è spesso presente all’esame obiettivo sia in zona del tallone sia nella zona plantare del piede. Proprio la zona plantare risulta essere danneggiata con un appiattimento della volta longitudinale cambiando la conformazione del piede stesso.

La deambulazione con una sospetta frattura del calcagno risulta essere veramente impossibile, come è estremamente dolorosa la flessione plantare della caviglia, in quanto il tendine d’Achille entrando in azione muove proprio il calcagno generando dolori molto intensi.

Trattamento

Prima di decidere il tipo di trattamento, il medico ortopedico si basa su un parametro molto importante che, nel caso delle fratture del calcagno, va monitorato sempre.
Questo parametro è chiamato “angolo di Bohler” cioè un angolo complementare risultante tra l’incrocio di due rette, una che tocca il punto più elevato del talamo e della grande apofisi e l’altra tangente al punto più elevato del talamo e della grossa tuberosità; questo angolo deve essere compreso tra i 25° e i 40°.

Questo angolo è molto importante perchè garantisce i corretti rapporti articolari tra il calcagno e l’astragalo; quando questo angolo non è garantito, l’opzione chirurgica diventa inevitabile.
L’approccio chirurgico dipende logicamente dal tipo di lesione dell’osso, in quanto può anche non essere una frattura che coinvolge la zona articolare ma necessitando comunque di un trattamento chirurgico.
Nel video quì sotto è esemplificato molto bene il tipo di approccio chirurgico.

Non sempre però è necessario un trattamento chirurgico: spesso un immobilizzazione del piede per un periodo che va dai 30 ai 45 giorni risulta essere molto valido per quelle fratture non pluriframmentate o molto gravi; spesso ai miei pazienti viene utilizzato come tutore questo fixwalker, molto valido e che permette comunque una corretta stabilità del compartimento del piede. É possibile acquistarlo su AMAZON cliccando sul bottone quì sotto.

Logicamente per questo primo periodo di immobilizzazione il carico su quel calcagno non è consentito e la deambulazione deve avvenire attraverso stampelle canadesi.

Il lavoro di equipe tra fisioterapista e medico ortopedico è importantissimo, permettendo quindi un successivo recupero funzionale e ottimale. Per questo motivo per velocizzare il processo di guarigione della frattura e aumentare la velocità della neoformazione ossea è ottimo utilizzare (sempre su consiglio del medico che deve autorizzare la cosa) l’utilizzo della magnetoterapia: questo macchinario se messo durante la notte determina un’azione antiedemiggena e biostimolatrice sulle cellule ossee; per acquistarlo cliccare sul bottone “compra su Amazon”.

Frattura del calcagno: fisioterapia

Una volta terminato il periodo di immobilizzazione (a cui deve seguire una lastra di controllo che autorizza a procedere con la riabilitazione) è necessario iniziare immediatamente la fisioterapia affidandoti ad un fisioterapista specializzato nel recupero post traumatico e nell’ambito ortopedico.

fisioterapia piedeLe prime fasi sono sicuramente le più delicate in quanto si deve procedere ad un recupero della mobilità articolare sia della caviglia (che comunque è stata bloccata per parecchio tempo) sia del piede, non dimenticandosi anche delle dita. Questa fase principalmente è eseguita in maniera passiva dal terapista che progressivamente recupererà tutto il movimento e tutto l’escursione articolare. Il movimento poi andrà eseguito anche in maniera attiva coinvolgendo tutti i muscoli che agiscono sull’arto inferiore, recuperando quindi anche tono muscolare e reattività nel reclutamento miofasciale.

É subito dopo questa fase che è necessario iniziare un recupero del corretto movimento durante la deambulazione, correggendo inoltre tutti gli eventuli compensi che possono comparire; progressivamente si abbandoneranno le due stampelle per utilizzarne una sola, e poi verrà tolta anche questa.

Una condizione che appare spessissimo in questo tipo di problematica è il dolore che compare sulla pianta del piede: questo è dato dallo spasmo di alcuni muscoli profondi del piede e da alcuni addensamenti fasciali che causano un grandissimo dolore al paziente; varie sono le tecniche per permettere un rilascio di questi tessuti che però devono essere eseguiti da un fisioterapista esperto per il piede.

Suggerisco per i miei svariati pazienti che giungono nel mio studio anche l’utilizzo, dentro le scarpe, delle solette Noene®; molto valide per diminuire il peso sulla pianta del piede e distribuire meglio il carico.

É possibile acquistarle cliccando quì:

Una volta rieducato il movimento proprio della caviglia e del piede, è bene eseguire un training sul carico che va poggiato su quell’arto, recuperando la consapevolezza al carico: questo allenamento è molto importante perchè altrimenti permane nel corso del tempo una paura inconscia nel poggiare il peso sulla gamba generando poi una serie di compensi adattativi che possono far venire problemi e dolori da altre parti.
Per far capire cosa si intende quando si parla di esercizi propriocettivi, vi posto un bellissimo video per la riabilitazione della caviglia nel recupero funzionale e per tutto ciò che riguarda l’equilibrio.

Facebook 0
Google+ 0
LinkedIn 0
WhatsApp

La nostra sede è a Roma, in via Capo D'Africa 31, Zona Colosseo

Hai bisogno di aiuto?

Chiedi il mio aiuto

Chiama

Chat

Email

Spalla Rotta

Spalla Rotta

Hai avuto un trauma o una caduta e hai una spalla rotta? Affrontiamo bene questa situazione e scopri come stare bene. Quando parliamo di fratture o

cicatrice cesareo

Cicatrice Cesareo

Hai subito un parto e hai scelto per partorire un parto cesareo? Probabilmente adesso hai una cicatrice cesareo; scopriamo insieme cosa è e come va trattata

Fisioterapia cervicale

Fisioterapia cervicale

Nel corso del tempo la fisioterapia cervicale è cambiata molto, in quanto le scoperte scientifiche e lo studio approfondito dell’anatomia e della biomeccanica hanno potuto indagare

Dott. Daniel Di Segni

Dott. Daniel Di Segni

Laureato presso "La Sapienza" di Roma in Fisioterapia con votazione 110 e lode.
Specializzato nel trattamento del dolore e delle problematiche muscolari tramite la terapia manuale

Chi Sono

Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Chiudi il menu

La tua Opinione per me è importante

4,9 16 Recensioni da Facebook
5,0 128 Recensioni da Google

Il titolare del trattamento dei dati raccolti, a seguito della consultazione di questo sito, è Daniel Di Segni con sede legale a Roma– Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM ) phisio.daniel@gmail.com

Dati e modalità del trattamento
L’acquisizione dei vostri dati personali inviatici in modo facoltativo, esplicito e volontario via mail o mediante la compilazione di appositi moduli di richiesta durante la consultazione di questo sito, è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Questi dati verranno utilizzati solo a fini statistici anonimi, relativi all’uso di questo sito, per controllarne il corretto funzionamento e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità, in caso di ipotetici reati informatici ai danni del presente sito. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti, che si connettono a questo sito ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati
In qualunque momento, potete chiederci la conferma dell’esistenza o meno dei vostri dati e conoscerne il contenuto, l’origine o chiederne l’aggiornamento. Potete inoltre chiederne la cancellazione o la trasformazione in forma anonima.

Eventuali richieste potranno essere rivolte:
Via e-mail, all’indirizzo phisio.daniel@gmail.com
oppure via posta, a: Daniel Di Segni – Roma – Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM )

Leggi la privacy policy da qui: Privacy Policy