Frattura Vertebrale

Hai un dolore alla schiena molto forte?Attenzione, potresti avere una frattura vertebrale!

Sempre più persone soffrono di mal di schiena e, quando si esegue un indagine radiografica, si scopre che la causa di questo mal di schiena è una frattura vertebrale. Scopriamo insieme cosa è, quali sono i sintomi e il trattamento per questa dolorosa condizione.

Cosa è una frattura vertebrale?

Prima di spiegare i meccanismi che portano ad una frattura vertebrale, è necessario eseguire un breve riassunto anatomico della conformazione e della biomeccanica a livello della schiena.
Negli uomini sono presenti 24 vertebre suddivise in: 7 vertebre cervicali, 12 vertebre toraciche (o dorsali) e 5 vertebranatomia vertebrae lombari.
La conformazione è differente in base al livello in cui si trova, ma tutte (tranne le prime due cervicali) sono composte da un corpo vertebrale (su cui poggia il disco intervertebrale), due processi trasversi ad esso collegati attraverso i peduncoli ed un processo spinoso (il famoso bozzo  che si sente nella schiena).

Le vertebre si articolano l’una sull’altra attraverso i processi (o faccette) articolari

Possiamo eseguire una iniziale classificazione delle fratture: quelle che coinvolgono il midollo spinale (mieliniche) e quelle che non lo coinvolgono (amieliniche):  nel caso in cui ci sia un danno o un coinvolgimento del midollo, la situazione assume un alto grado di gravità e necessita di un’immediato intervento neurochirurgico per salvaguardare la salute del Sistema Nervoso.

Parliamo quindi di frattura vertebrale quando si assiste ad una rottura o coinvolgimento osseo di una vertebra, il cui trattamento dipende dalla zona lesionata.

Quali sono le cause di una frattura vertebrale?

Esistono due grandi cause che possono generare una frattura a livello vertebrale: l’Osteoporosi e i traumi (diretti o indiretti).

Le fratture per osteoporosi generalmente colpiscono maggiormente il sesso femminile in età senile, la cui causa è da ricercarsi nella rarefazione della componente calcica (soprattutto nella parte del corpo vertebrale) che rende incapaci le vertebre di sopportare il peso che grava loro. La perdita di calcio risulta fisiologica con l’avanzare dell’età, ma la cosa è più marcata nelle donne a causa della menopausa: il cambiamento ormonale che avviene nelle donne genera quindi una diminuzione di apporto calcico che si deposita nelle ossa, e quindi si va incontro ad un impoverimento progressivo della componente calcica delle ossa, la quale rappresenta la parte resistiva delle ossa.

Nel video quì sotto è spiegato molto bene come ciò avviene e quali sono i rischi per chi soffre di osteoporosi.

Nei casi invece di traumi, dobbiamo suddividere le fratture vertebrali in fratture dorso-lombari e fratture cervicali.

Fratture dorso-lombari

frattura vertebrale
frattura vertebrale lombare

Rappresentano circa l’80% delle fratture vertebrali; si generano con un trauma indiretto (come una caduta sulle natiche) con un movimento di iperflessione, che genera una forza compressiva importante a livello del corpo vertebrale e anche, in alcuni casi, dei peduncoli o delle apofisi articolari (in questo caso parleremo anche di frattura-lussazione). Le lesioni ossee che coinvolgono il corpo vertebrale dobbiamo monitorare la situazione anche del disco intervertebrale, che nel caso in cui sia coinvolgo, si avrà una frattura discoarticolare.

Come già detto, una eventuale compressione a livello del midollo o di una radice nervosa rappresenta una complicazione importante che necessita di un repentino intervento

Fratture Cervicali

frattura cervicaleFortunatamente sono più rare: quando coinvolgono le prime due vertebre cervicali se c’è una complicazione midollare si verifica la morte immediata.
Generalmente avvengono per traumi che tendono a flettere bruscamente e schiacciare il rachide cervicale oppure caduta di testa (es. tuffi su fondali bassi). Ci sono condizioni come per esempio nel Colpo di Frusta in cui movimenti di brusca iperestensione del capo ci sia uno strappamento da parte dei legamenti longitudinali del capo di alcuni frammenti ossei che vanno considerati vere e proprie fratture cervicali.

Sintomi di una frattura vertebrale

Come abbiamo già detto, nel caso sia presente una complicanza di tipo neurologico, il trattamento e la sintomatologia sono di pertinenza neurochirurgica urgente; parleremo quindi in questa sezione delle fratture Amieliniche (senza coinvolgimento neuronale).

I sintomi di una frattura vertebrale sono quindi:

  • Dolore: è un dolore molto elevato (in una scala VAS da 1 a 10 con 1 senza dolore e 10 dolore massimo, generalmente si localizza con un punteggio molto alto, 8-9); è possibile evocare il dolore comprimendo il processo spinoso della vertebra sospetta, e la sintomatologia dolorosa verrà esacerbata.
  • Contrattura muscolare: Quando avviene un trauma a livello della colonna, il corpo attua un sistema di salvaguardia della zona, cercando di bloccarla il più possibile, attraverso una contrazione prolungata e permanente della muscolatura; questo induce un vero e proprio blocco articolare e muscolare, che a sua volta genera un dolore da contrazione prolungata e da attivazione di trigger point.
  • Rigidità del rachide colpito: il blocco muscolare genera quindi una grande rigidità nei movimenti, motivo per cui quando avviene un evento del genere le attività di vita quotidiane risultano essere estremamente difficili da essere svolte, a causa proprio della sensazione di rigidità e dal dolore stesso.
  • Deformità: Nel caso in cui la frattura sia molto importante ci può essere un atteggiamento di deformità del rachide: nel caso in cui la frattura sia a livello dorso-lombare si avrà una deformità ad angolo acuto.

Diagnosi di Frattura Vertebrale

frattura lombareLa diagnosi di un dolore alla schiena non è così semplice come si può pensare: molti possono essere i motivi per cui si genera un fastidio a livello della colonna. Sicuramente per prima cosa viene richiesto dal medico che prende in carico il paziente di effettuare una radiografia: questa indagine permette di indagare le lesioni ossee e monitorare anche l’allineamento delle varie vertebre.

Come nell’immagine quì a fianco, è possibile vedere una frattura lombare del corpo vertebrale (verosimilmente per osteoporosi): è facile vedere come la componente interna dell’osso sia crollata e la conformazione sia completamente distrutta, soprattutto confrontandola con le vertebre sottostanti.

Un’altra indagine molto importante che può essere richiesta dal medico, per indagare con maggiore specificità la situazione vertebrale è una TAC (tomografia Assiale Computerizzata): questa indagine esamina in maniera minuziosa e stratificata la parte presa in esame, andando quindi ad analizzare anche i tessuti non ossei, per vedere se c’è qualche alterazione.

Trattamento di una frattura vertebrale

Una volta diagnosticata dal medico una frattura vertebrale, il trattamento può essere suddiviso in:

  • Chirurgico
  • Conservativo

trattamento frattura vertebraleNel trattamento chirurgico è bene monitorare innanzitutto la modalità di lesione (se da trauma, da crollo osteoporotico, se per patologie tumorali), la localizzazione della frattura e se c’è un coinvolgimento a livello del midollo spinale oppure no.
Dopo aver considerato inoltre la possibilità di esecuzione di trattamento chirurgico (età del paziente, patologie concomitanti, condizioni generali ecc), il chirurgo sceglierà il tipo di trattamento che potrà essere o di stabilizzazione con placca e viti (in modo da poter bypassare il peso e stabilizzare la lesione) oppure attraverso una iniezione di cemento (nel caso di crollo vertebrale da osteoporosi per esempio) a livello del corpo vertebrale per “risollevare” la vertebra e ridurre al massimo l’intervento chirurgico.

 

Nel caso in cui si scelga il trattamento Conservativo il tipo di approccio è più lungo, in quanto il paziente dovrà rimanere o completamente senza carico per un periodo che va da 1 a 3 mesi, oppure utilizzare un busto che permetta di attenuare il peso che grava sulle fratture.
Nel caso di lesioni a livello del rachide cervicale il collare da utilizzare sarà di tipo ortopedico, estremamente scomodo e bloccato per il paziente, che però avrà la tutela di avere immobilizzato la vertebra.

Nelle fratture dorso-lombari invece molto utilizzato è invece il busto chiamato C35, capace di bypassare il peso sulle vertebre, favorendo la guarigione.

Questo corsetto, acquistabile su Amazon acquistabile molto facilmente, è possibile scegliere la taglia del paziente, avendo garantito un ottimo sostegno della colonna per ridurre il dolore e aiutare nel periodo post-operatorio.

La fisioterapia per le fratture vertebrali

Ma come può aiutare la fisioterapia nelle fratture vertebrali?

L’intervento fisioterapico è estremamente importante ma che avviene in un secondo momento, dopo la diagnosi e dopo il trattamento scelto dal medico ortopedico o neurochirugico.
Molto importante sia se si sceglie l’approccio conservativo, sia nell’approccio chirurgico, quello di permettere alla schiena di recuperare l’elasticità e la mobilità dopo un tipo di lesione di questo genere. Estremamente adatto quindi è cercare di recuperare uno svincolo dei cingoli scapolari e pelvici, con esercizi mirati per recuperare il corretto movimento della schiena (qualunque sia la localizzazione del problema); cosa estremamente importante è anche il potenziamento della muscolatura che inevitabilmente si è indebolita a causa sia del trauma sia dall’immobilizzazione.

Inizialmente ci sarà sicuramente un aumento del tono muscolare riguardo ai muscoli profondi della colonna, i quali saranno sicuramente in spasmo.
Quindi è necessario riportare ad una condizione di normalità questi muscoli attraverso alcune tecniche riflesse e attraverso il trattamento di alcuni muscoli profondi come il diaframma o lo psoas. Quindi una volta che anche il blocco muscolare sarà calato, si potrà intervenire sia attraverso delle manovre con la fibrolisi meccanica sia con manovre di recupero della corretta mobilità.
Il tono muscolare in questo genere di infortunio è qualcosa che poi andrà recuperato in maniera ottimale e quindi sarà bene contestualizzare gli esercizi di stabilizzazione: questo servirà quindi a tutta la colonna di potersi muovere avendo delle basi ben solide e che hanno la capacità di non gravare anche sui tessuti molli (dischi, legamenti, tendini ecc.).
Un esempio che può esser fatto per chi è avanti con l’età è migliorare il core addominale (cioè il reclutamento e la stabilizzazione della colonna attraverso i muscoli localizzati nella parte addominale) incrementando quindi anche i carichi di lavoro in maniera progressiva; ovviamente il tutto deve esser seguito da un fisioterapista esperto e che saprà adattare i vari esercizi in base alla patologia e condizione del paziente.
Quì sotto avete un esempio di esercizi per migliorare la stabilità.

 

Possono essere anche utili per sciogliere eventuali contrattura che si possono esser generate della massoterapia dolce e della ginnastica posturale Mezieres per riequilibrare l’apparato muscolo-scheletrico.anziani ginnastica

Il recupero della forza anche nelle braccia, soprattutto nei soggetti anziani, aiuta moltissimo per poter svolgere tutte le attività di vita quotidiane ma anche per aiutarsi nei movimenti che risulteranno essere sicuramente difficoltosi dopo questo periodo di trattamento.

kinesiterapia

Il Metodo di Cura attraverso il Movimento

Promozione Kinesiterapia

 

Hai bisogno del mio aiuto?

Contattami Adesso

La nostra sede è a Roma, in via Capo D'Africa 31, Zona Colosseo

Dott. Daniel Di Segni

Dott. Daniel Di Segni

Laureato presso "La Sapienza" di Roma in Fisioterapia con votazione 110 e lode.
Specializzato nel trattamento del dolore e delle problematiche muscolari tramite la terapia manuale

Chi Sono
cicatrice cesareo

Cicatrice Cesareo

Hai subito un parto e hai scelto per partorire un parto cesareo? Probabilmente adesso hai una…
contrattura polpaccio

Contrattura polpaccio

Senti un irridigimento a livello del polpaccio e pensi di avere una contrattura polpaccio? Scopriamo insieme…
Fisioterapia cervicale

Fisioterapia cervicale

Nel corso del tempo la fisioterapia cervicale è cambiata molto, in quanto le scoperte scientifiche e lo…
Spalla Rotta

Spalla Rotta

Hai avuto un trauma o una caduta e hai una spalla rotta? Affrontiamo bene questa situazione e…
taping alla spalla

Taping alla spalla

Hai un dolore alla spalla e hai visto in giro persone con lo stesso problema andare…
cos'è una manipolazione

Chiropratico

Hai un qualche dolore alla schiena o alle articolazioni e stai cercando un chiropratico? Scopriamo insieme cosa…

Altrr Patologie che potresti continuare a leggere

sindrome di meniere vertigini

Sindrome di Meniere

Ti è stata diagnosticata la sindrome di Meniere e ne vuoi sapere di più? Scopriamo insieme cos’è e…
contrattura cervicale guida

Contrattura Cervicale

Senti un grande dolore al collo ed un blocco della muscolatura cervicale? Vediamo insieme come mai…
All articles loaded
No more articles to load

Ricevi gli ultimi aggiornamenti

Chiudi il menu

La tua Opinione per me è importante

4,9 16 Recensioni da Facebook
5,0 128 Recensioni da Google

Il titolare del trattamento dei dati raccolti, a seguito della consultazione di questo sito, è Daniel Di Segni con sede legale a Roma– Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM ) phisio.daniel@gmail.com

Dati e modalità del trattamento
L’acquisizione dei vostri dati personali inviatici in modo facoltativo, esplicito e volontario via mail o mediante la compilazione di appositi moduli di richiesta durante la consultazione di questo sito, è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Questi dati verranno utilizzati solo a fini statistici anonimi, relativi all’uso di questo sito, per controllarne il corretto funzionamento e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità, in caso di ipotetici reati informatici ai danni del presente sito. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti, che si connettono a questo sito ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati
In qualunque momento, potete chiederci la conferma dell’esistenza o meno dei vostri dati e conoscerne il contenuto, l’origine o chiederne l’aggiornamento. Potete inoltre chiederne la cancellazione o la trasformazione in forma anonima.

Eventuali richieste potranno essere rivolte:
Via e-mail, all’indirizzo phisio.daniel@gmail.com
oppure via posta, a: Daniel Di Segni – Roma – Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM )

Leggi la privacy policy da qui: Privacy Policy