Manipolazioni Vertebrali

Hai mai pensato che per stare bene avresti bisogno di alcune Manipolazioni vertebrali? Scopri cosa sono, quando è importante usarle e quali benefici portano.

Hai mai pensato a quelle volte in cui avresti avuto tanto il bisogno di essere scrocchiato tutto?
Le manipolazioni vertebrali fanno proprio al caso tuo! Scopriamo insieme cosa sono, che effetti hanno e perchè sono manovre sicure se fatte da personale specializzato.

Manipolazioni vertebrali: cosa succede?

Quando parliamo di manipolazioni vertebrali parliamo innanzitutto di una pratica che deve essere eseguita solamente da personale sanitario autorizzato e con una specifica preparazione.

In presenza di patologie che coinvolgono la colonna vertebrale, questa tecnica risulta essere una delle più efficaci ed apprezzate dai pazienti.
Ma cosa succede realmente quando si fa una manipolazione vertebrale?

Manipolazioni vertebrali e ernia discaleEsistono delle varianti per quanto riguarda le manipolazioni, in quanto alcuni preferiscono agire sulla barriera ossea e legamentosa, altri invece (come me) amano rispettare le funzioni anatomiche e creare una limitazione fittizia e sicura.

Ma cosa succede quando si esegue la manipolazione vertebrale? Dopo che viene eseguita la manipolazione, cambia il dolore, la mobilità e la contrazione dei muscoli; in questo modo si riesce non solo a riportare le varie vertebre nella loro posizione corretta ma anche creare un rilascio muscolare.

Questo rilascio muscolare è dato dal fatto che durante una manipolazione vertebrale si generano una serie di segnali che arrivano al cervello il quale rilassa il muscolo e permette al paziente di sentirsi meglio; il segnale dolorifico si interrompe con questa manovra facendo passare i vari disturbi.

Come vengono eseguite le manipolazioni vertebrali

Parliamo ora della modalità di esecuzione di queste manipolazioni vertebrali.

Dobbiamo precisare però che ogni articolazione presenta un suo determinato movimento ed una sua ampiezza; se però si vanno a sommare i vari movimenti tra loro, ecco che la possibilità di muovere diminuisce e diminuisce anche quanto si muove.

manipolazioni vertebrali
Il Dott. Daniel Di Segni prima di eseguire una manipolazione vertebrale cervicale

La manipolazione infatti è proprio questa: prima si crea una sorta di barriera “fittizia” attraverso la combinazione di più movimenti, poi con una manovra veloce e di piccola ampiezza si va a superare questo limite da noi creato senza danneggiare nulla. Questo concetto è importante in quanto rende le manipolazioni vertebrali un approccio terapeutico sicuro e di rapida applicazione.

La manipolazione vertebrale fa collassare la pressione all’interno delle capsule articolari delle varie vertebre: in questo modo si genera il segnale che abbiamo sopra descritto aiutando il sistema riequilibrarsi.
Durante la manovra nel mio studio cerco lo scrocchio rumoroso in quanto è la certificazione che si è andati a bersaglio e che si è ottenuto quell’effetto terapeutico.

Più cavitazioni riesco ad ottenere durante la manovra, meglio è per il paziente, che percepisce subito un grande senso di leggerezza e di diminuzione del dolore.

Quando si usano

Veniamo ora a parlare di quando vengono fatte le manipolazioni e per quale patologie sono altamente indicate:

Controindicazioni nelle manipolazioni vertebrali

Parliamo ora delle condizioni per le quale non è consigliabile scegliere una manipolazione vertebrale. Durante la valutazione infatti è importante valutare tutte le situazioni che potrebbero non beneficiare di un intervento manipolativo e quindi scegliere strade differenti.

  • Artrosi molto grave: Quando è presente una artrosi molto grave con formazione di osteofiti una manipolazione potrebbe non essere molto indicata; se le superfici articolari infatti non hanno più quella capacità di muoversi in maniera corretta, creare un movimento così rapido potrebbe non fare al caso del paziente.
  • Instabilità legamentosa: Un distretto che è instabile per legamenti troppo morbidi oppure per un danno precedente è assolutamente una condizione che fa escludere le manipolazioni.
  • Danni neurologici: se sono presenti danni chiari oppure delle sofferenze neurologiche in atto, il mio consiglio almeno di attendere eventuali variazioni prima di procedere con le manipolazioni.
  • Patologie infettive: nonostante non ci sia una grande correlazione, personalmente non eseguo manipolazioni vertebrali in pazienti che hanno una infezione magari sistemica
  • Patologie tumorali: ovviamente nel caso in cui siano presenti dei tumori che coinvolgono il sistema osseo e lo rendono fragile, bisogna astenersi assolutamente dal manipolare i pazienti.
  • osteoporosi cristalloOsteoporosi: Se l’osso si presenta fragile e che potrebbe rompersi da un momento all’altro, evitare le manipolazioni permette di escludere alcune sgradite sorprese.
  • Fratture vertebrali: ovviamente se è già presente una frattura vertebrale, è assolutamente vietato manipolare il distretto che invece deve essere tutelato e immobilizzato.
  • Precedenti interventi chirurgici: nei casi in cui siano presenti delle stabilizzazioni vertebrali, quel distretto non deve assolutamente essere movimentato in quanto bloccato con dei mezzi di sintesi e quindi renderebbero il tutto molto pericoloso.
Ti è piaciuto questo articolo?
Facebook
WhatsApp
Telegram
Email

Contattami

La nostra sede è a Roma, in via Capo D'Africa 31, Zona Colosseo

Chiudi il menu

La tua Opinione per me è importante

4,9 16 Recensioni da Facebook
5,0 128 Recensioni da Google

Il titolare del trattamento dei dati raccolti, a seguito della consultazione di questo sito, è Daniel Di Segni con sede legale a Roma– Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM ) phisio.daniel@gmail.com

Dati e modalità del trattamento
L’acquisizione dei vostri dati personali inviatici in modo facoltativo, esplicito e volontario via mail o mediante la compilazione di appositi moduli di richiesta durante la consultazione di questo sito, è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Questi dati verranno utilizzati solo a fini statistici anonimi, relativi all’uso di questo sito, per controllarne il corretto funzionamento e potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità, in caso di ipotetici reati informatici ai danni del presente sito. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti, che si connettono a questo sito ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente. I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati, per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Diritti degli interessati
In qualunque momento, potete chiederci la conferma dell’esistenza o meno dei vostri dati e conoscerne il contenuto, l’origine o chiederne l’aggiornamento. Potete inoltre chiederne la cancellazione o la trasformazione in forma anonima.

Eventuali richieste potranno essere rivolte:
Via e-mail, all’indirizzo phisio.daniel@gmail.com
oppure via posta, a: Daniel Di Segni – Roma – Via Leopoldo Traversi, 33 – 00154 ( RM )

Leggi la privacy policy da qui: Privacy Policy