Cervicale Vertigini è conforme alle misure di sicurezza Covid-19 nella Regione Lazio.

Cervicale nausea

Indice dei contenuti

Che le vertebre cervicali siano un distretto che può evocare dei disturbi è noto a tutti, ma probabilmente quello della nausea è il disagio più fastidioso che c’è. Se stai leggendo questo articolo è perchè sicuramente lamenti questo perenne stato di fastidio che coinvolge lo stomaco; ho scritto questo articolo proprio per guidarti e farti comprendere come mai hai questo disturbo e di come solamente affidandoti ad uno specialista della cervicale come il dottor Daniel Di Segni potrai uscirne senza farmaci e senza più problemi.

Quali sono i sintomi della cervicale

Andiamo quindi a vedere in maniera globale quali possono essere i sintomi legati ad un problema della cervicale e come questi siano tutti collegati.

Vedete come possono combaciare tante situazioni con delle problematiche cervicali, ed è bene quindi andare a capire con un’attenta valutazione qual’è il problema. Questa valutazione spesso nei medici ortopedici non viene eseguita, ma che potrai invece trovare nello studio a Roma del Dott. Daniel Di Segni.

Le cause della cervicale vertigini e nausea

Bisogna specificare effettivamente che quando si hanno sintomi come la nausea questa difficilmente compare da sola. Infatti è molto comune ritrovarsi anche a situazioni come una sudorazione anomala (anche in periodi freddi), pallore e pressione cardiaca che tende ad abbassarsi.

Cause della nausea con la cervicale

Questo avviene perchè molto spesso c’è il coinvolgimento del nervo vago. Questo nervo vago è un nervo importantissimo del corpo, che nasce dalla parte più profonda del cervello e si occupa di innervare cuore, polmoni, stomaco, intestino non che regolare il sistema nervoso parasimpatico.

Quando c’è un problema cervicale, magari nella zona della nuca oppure nella parte toracica, ecco che questo nervo tende a scaricare in maniera anomala; quest’anomalia si traduce in una serie di reazioni sgradevoli per il paziente tra cui anche la nausea.

Un altro motivo della nausea è da andare a ricercare a volte in un eccessivo aumento delle tensioni muscolari: se queste tendono ad “incunearsi” nella zona della cervicale, il sistema collassa e possono sopraggiungere questi sintomi davvero invalidanti.

Do per scontato che queste situazioni siano da indagare nel momento in cui sono stati esclusi malanni ben più importanti come neoplasie o malattie degenerative che potranno essere indagate meglio con una risonanza magnetica.

Alcuni vogliono far credere che molti dei problemi che possono uscire come nausea sia solo da ricercare in problemi di carattere neurologico: molto spesso il problema è dato dall’integrazione tra i vari sistemi che lavorano male.

Un esempio è quando la nausea può essere indotta da un problema agli occhi. Ecco questa è la classica condizione dove non c’è un problema di organo (gli occhi di per sè stanno bene) ma è nel come il cervello utilizza gli occhi che nascono i problemi. Questo quindi scaturisce con un problema di cervicale e nausea ma con il coinvolgimenti di problemi anche visivi (vista offuscata).

Un altro problema può essere quello di un trauma che occorre al collo (come un colpo di frusta in un incidente automobilistico) che può mandare in tilt i centri di regolazione cervicali e sfociare non solo in un cambio di postura ma anche creare disturbi cervicali come nausea e dolori cervicali.

Capite bene come esistono tanti fattori che collegano la cervicale, i muscoli cervicali e nausea: solamente attraverso la visita con uno specialista della cervicale come il dr. Daniel Di Segni sarà possibile indagare adeguatamente il problema e risolverlo senza farmaci.

Nervo vago e nausea

Abbiamo menzionato prima questo importante nervo che spesso viene coinvolto nel disturbo cervicale e nausea. L’importanza sta nel fatto che nella zona suboccipitale (la nuca per intenderci) è un crocevia importante di strutture che possono dare cervicale nausea vomito e mal di testa. Questo perchè oltre alla fuoriuscita di 4 dei 12 paia di nervi cranici, è in una zona dove esce il nervo vago. Nervo che è influenzato anche da tanti fattori come stress, attività fisica, postura scorretta, alimentazione errata, scarsa idratazione e stati emotivi alterati (depressione, ansia ecc.).

Leggi Le Recensioni
Più di 300 pazienti hanno lasciato la propria opinione
5,0
Recensioni

Nervo Vago e Nausea

La cosa fondamentale che è bene capire è che in presenza di una cervicale con nausea non esiste una terapia farmacologica effettivamente che va sulla cura bensì questi farmaci sono sintomatici.
Purtroppo in ambito sanitario c’è un grande scollamento tra le figure professionali; il medico cardiologo come il neurologo non sa effettivamente cosa la fisioterapia e l’osteopatia può fare per trattare il nervo vago.

Esistono tante interfacce che permettono di modulare un nervo vago inibito/iperattivato e che aiutano a ripristinare una corretta funzione: queste interfacce sono anche a livello cervicale e toracico.

Terapia per la cervicale che dà nausea

Quì si apre un mondo enorme in ambito di terapia manuale per quanto riguarda la correlazione della cervicale con senso di vomito e nausea.

Infatti nel mio studio specializzato sulla cervicale ho potuto elaborare una serie di trattamenti specifici per quelle persone che sentono che la cervicale sta creando nausea e fastidi.

Innanzitutto è fondamentale capire, con un’attenta valutazione, qual’è il distretto oppure il sistema che sta perturbando il sistema. A volte un buon consiglio è avviare anche un’attività sportiva per sbloccare quel collo troppo rigido da posture con difficoltà e che creano problemi cervicali.Specialista cervicale Roma

Nel mio studio applico varie tecniche manuali che mirano soprattutto a liberare la zona della nuca in maniera dolce e senza traumatismi; un esempio è la tecnica Strain Counterstrain oppure con la fibrolisi meccanica.

Importante in queste situazioni valutare anche se sono presenti dei disturbi gastrointestinali che si aggiungono anche alla nausea (sia in fase acuta che in fase subacuta) oppure disturbi come una cefalea tensiva.

Lavorare sul compartimento muscolare risulta essere fondamentale perchè anche uno spasmo dei muscoli come il trapezio oppure lo sternocleidomastoideo può indurre fastidi come nausea e senso di capogiri.

Quando valuto i pazienti con questi disturbi come cefalea da cervicale e nausea, devo stare anche molto attento a capire se sono presenti degli atteggiamenti e delle posture sbagliate che questi adottano e che possono dare problemi posturali; nonostante lì pere lì non creano grossi problemi, mantenendo posture errate per tanto tempo crea degli scompensi muscolari con associate tensioni, articolari e neurologici che possono portare anche a nausea.

Accanto a questo, la terapia migliore che comunque posso fornire ai pazienti che giungono da me da tutta Italia è dare ad ognuno un esercizio mirato per il suo problema. Sono fermamente convinto come la miglior terapia che posso dare sia quello di sganciare un meccanismo alterato solamente con un esercizio fisico mirato per le proprie esigenze.

Non sempre possono essere usati dei rimedi istantanei o dei farmaci per la nausea: il sistema nel momento in cui si manifesta con questi sintomi vuol dire che è al collasso e ha bisogno di recuperare un minimo di equilibrio e che è necessario metterci mano, soprattutto con un professionista come il dott. Daniel Di Segni.

Nausea e occhi: che collegamento c’è?

Chi soffre di nausea spesso lamenta di avere nell’ultimo periodo disturbi della vista.

Ti ritrovi in questo paragrafo eh?!

sentirsi la testa pesanteSì perchè c’è una grossa attinenza e collegamento neurologico tra occhi, cervicale e orecchio interno (sbandamenti, vertigini, nausea ecc.). Questo perchè magari c’è un problema di capacità visiva oppure di allineamento visivo che perturba il sistema.

Effettivamente quando andate da un medico oculista, durante la visita non riscontra nulla di che di anormale. Questo perchè il problema non è nell’occhio in quanto organo, bensì nella capacità del cervello di muovere e utilizzare l’occhio per guardare.

Scrivi Una Recensione
Più di 400 pazienti hanno lasciato la propria opinione
5,0
Scrivi su Google

Nel mio studio infatti eseguo durante la prima visita anche dei test visivi; test che sono affidabili al 100% e che indagano se c’è una foria verticale oppure un problema di convergenza oculare ecc.

Quando riscontro questo cattivo funzionamento, eseguo un lavoro organizzato con la mia collega optometrista per creare un equipe riabilitativa con esercizi mirati per gli occhi e per il collo per sconfiggere il dolore localizzato alla cervicale e anche per sistemare la nausea.

Cervicale-ATM-Nausea

Ebbene sì, rientra nella cura della cervicale anche la valutazione sia di problematiche che riguardino la bocca. Sia che ci si ritrovi davanti a una infiammazione della cervicale sia ad un blocco meccanico, in queste situazioni è bene sempre valutare le arcate dentali e capire se ci sono problemi che riguardano l’articolazione temporo mandibolare. Sì perchè anche la mandibola con le sue strutture vicine e con il suo errato funzionamento, può indurre dei sovraccarichi funzionali, vertigini improvvise e disturbi a carico del sistema come la nausea.

Non è raro trovare persone che hanno un disturbo cronico di perpetua contrazione dei muscoli della bocca oppure sentono click mandibolari: in questo caso, dopo aver liberato nelle prime sedute l’asse centrale ( vertebre cervicali e tutta la colonna) dedico del tempo a risolvere e trattare la bocca.

Importante anche in questo senso l’esercizio terapeutico che il paziente deve fare per sistemare il discorso motorio della mandibola.

Cefalea e nausea

Abbiamo spiegato come i disturbi che provengono dalle strutture cervicali possono dare una serie lunga di sintomi, tra cui la nausea da cervicale.

Accanto al dolore e infiammazione acuta che può esserci a carico del collo, un sintomo spesso che accompagna è proprio quello degli attacchi di cefalea che prendono anche con disturbi digestivi come la nausea.

mal di testa testa pesanteSì perchè, a prescindere dall’intensità della cefalea, avere questo genere di situazioni con dolori cervicali e nausea, dolori articolari e magari anche un mal di testa di intensità moderata o severa, può evocare anche un coinvolgimento delle strutture sottocorticali, generando anche una nausea da cervicale.

Quindi in questo caso c’è un unico comun denominatore che è la cervicale, a cui si associano in maniera variabile i disturbi sensoriali (Vertigini da cervicale, formicolio al braccio ecc.) e sintomi più legati ai visceri quindi come nausea e vomito.

Il mal di testa ricordiamo come possa essere generato da vari nervi che lavorano male e che possono coinvolgere alcune aree cerebrali e che necessita di interventi riabilitativi ad hoc.

Prenota una visita a Roma
Scrivimi su WhatsApp per prenotare una visita
Riguardo Daniel Di Segni
Daniel Di Segni
Nel mio Studio “Cervicale e Vertigini” di Roma, investo moltissime risorse economiche e professionali per permettere al paziente di avere una fisioterapia di qualità ed individuare il miglior percorso riabilitativo per la singola esigenza e situazione del paziente riducendo quindi il numero delle sedute fisioterapiche.

Vedi Biografia

Hai Bisogno di Aiuto?

    Articoli Correlati
    Articoli correlati
    Copyright © 2021 Cervicale Vertigini del Dott. Daniel Di Segni - Via dei Laterani, 28, 00184 Roma RM - P.IVA 13326321000 - Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. Privacy & Cookie Policy

    Il sito web www.cervicalevertigini.it è un sito medico-scientifico con finalità divulgative, non costituisce un mezzo di autodiagnosi o di automedicazione, né sostituisce la consultazione medica e la relazione medico/paziente, le terapie indicate rispondono in modo diverso a seconda dei casi e della patologia del paziente. In questo sito vengono consigliati prodotti e strumenti da acquistare tramite Amazon. Questo sito è affiliato ad Amazon, tutte le transazioni saranno dirottate sul profilo personale Amazon di ciascun utente. Il Sito non si ritiene responsabile per nessuna tipologia di acquisto/recesso.